30 Marzo 2018

Blefaroplastica non chirurgica: addio bisturi!

blefaroplastica-non-chirurgica
blefaroplastica-non-chirurgica
blefaroplastica-non-chirurgica

La Blefaroplastica non chirurgica è indicata per tutti coloro che non dovendo rimuovere l’eccesso di grasso retro orbitario, desiderino migliorare l’estetica del proprio viso senza andare incontro ai rischi dell’anestesia e alle possibili complicanze di un intervento chirurgico (asimmetria dei due occhi, cicatrici ipertrofiche, cheloidi, lagoftalmo, danni irreversibili del visus).

Infatti, il trattamento è ambulatoriale, non necessita di anestesia,la ripresa alle normali attività è immediata e i costi sono contenuti. È necessario però che i pazienti si rivolgano ad un professionista che abbia conseguito una adeguata preparazione e che sia esperto in questo tipo di interventi che presuppongono un adeguato senso estetico e una manualità particolare. Si può affermare che la Blefaroplastica non chirurgica è l’intervento più indicato per l’eccellente effetto estetico e funzionale e per l’azzeramento del disagio del paziente rispetto ai rischi e ai costi d’intervento.

UNA TECNICA INNOVATIVA

Si effettua con uno strumento di ultima generazione l’ E.A.S.T., la blefaroplastica non chirurgica è una tecnica innovativa che accorcia la cute in eccesso delle palpebre senza dover incidere per asportarla. La blefaroplastica non ablativa evita l’utilizzo del bisturi, si effettua con  l'applicazione di crema anestetica, non necessita di sutura e permette di accorciare la pelle senza incidere e senza modificare il muscolo orbicolare delle palpebre. A differenza dell’intervento tradizionale non asporta l’eccesso di pelle ma si limita ad accorciare la cute palpebrale aumentandone lo spessore e riportando quindi la cute allo stato precedente l’inestetismo.

Terminata la seduta, viene applicata una crema per ridurre l’eventuale edema. Il paziente non necessita né di medicazioni né di antibiotici e dovrà avere solo l’accortezza di lavare la parte trattata con sapone di Marsiglia, e di proteggere dai raggi uva. Qualora la cute palpebrale da asportare fosse eccessiva, si consiglia di effettuare il trattamento in 3-4 sedute a distanza di circa un mese l’una dall’altra. Il risultato ottenuto si mantiene per anni e spesso è definitivo.

RICHIESTA INFORMAZIONI

Dichiaro di avere letto l'informativa sulla privacy e acconsento al trattamento dei dati.